50 sfumature di grigio: il gioco da tavolo

2013/01/50-sfumature-il-gioco.jpg

Sentite le campanelle? Pare che mentre eravamo tutti distratti da quei costumi sexy di Halloween, il Natale ci si sia avvicinato alle spalle e ora sia pericolosamente vicino. Ciò può significare solo una cosa, e non è ‘indossiamo subito delle maschere similbondage natalizie giapponesi’, né ‘dovremmo dare un tocco festivo ai nostri giochini zozzi’, bensì ‘è ora di scrivere a Babbo Natale e chiedergli i regali da farci trovare sotto l’albero’.

Per vostra fortuna zio Ayzad è qui per aiutarvi con qualche suggerimento. Le ragazze molto, molto buone possono aspettarsi di ricevere il sex toy più costoso del mondo; a quel tipo strano che continua a stalkarvi su Facebook arriverà uno di quei cosi assurdiche si trovano nelle ultime pagine dei cataloghi dei sex shop; le fanciulle più modaiole, post-ironiche e geek potranno contare su un vibratore di design, mentre i bambini e le bambine davvero cattivi…

…Beh, per chi si è comportato male ci può essere un solo regalo, ed è terrorizzante. Venerdì scorso è stato infatti annunciato il gioco di società più ovvio e deprimente che ci sia: Cinquanta sfumature di grigio, con tanto di modulo di espansione “piccante” La stanza rossa. La sua descrizione ultraconcisa lo fa sembrare una specie di variazione sul tema di Cards against humanity, che era già piuttosto orribile di suo – ma in effetti non importa affatto, perché è del tutto inconcepibile immaginare un qualsiasi gruppo di persone che ci giochi davvero. No, nemmeno delle casalinghe cicciotte inglesi che indossino le maschere di cui si parlava prima.

Line
Line