Quanto ti piace farlo strano, di preciso?

Photo: Andrew Lucas

Scrivo spesso di come il concetto di ‘sesso insolito’ sia soprattutto un mito. Benché la maggior parte dei media tenda a rappresentare il sesso come un’attività estremamente standardizzata (nello specifico: coito alla missionaria fra giovani eterosessuali bellocci e interessati solo alla penetrazione vaginale, da cui ottengono orgasmi simultanei) la realtà è molto diversa. A conti fatti abbiamo tutti fantasie sessuali, coltivarle non le rende veri feticismi ma può essere salutare e – nelle parole di un amico sessuologo – «se non hai almeno tre o quattro fissazioni strane quello anormale sei tu».
La settimana scorsa tuttavia dei ricercatori canadesi hanno pubblicato i risultati di uno studio che fornisce finalmente la misura esatta di quanto siano insolite molte inclinazioni sessuali. Prima di esaminarlo però devo fare un paio di precisazioni. La prima è che, nonostante il numero di persone intervistate fosse abbastanza elevato, il sondaggio è stato fatto nel Quebec, che non è certo uno specchio del resto del mondo. Il Canada ha una forte cultura del rispetto, programmi di educazione sessuale superiori alla media, un clima tutto suo e una discreta mancanza di senso dell’eros. In altre parole, da quelle parti sono molto più tranquilli (e responsabili) che altrove.

Inoltre ho l’impressione che alcune domande fossero un po’ vaghe: c’è la possibilità che siano state in parte male interpretate, pertanto non vedo l’ora che i risultati vengano confermati da nuovi studi fatti in altri paesi e magari con termini più specifici. Detto ciò, questa ricerca propone comunque un’importante innovazione nel modo con cui ha definito con precisione una serie di categorie per le fantasie erotiche. Eccole:

Tipica – Una fantasia condivisa da più dell’84,1% del campione sondato;
Comune – Ce l’ha più del 50% (quindi la metà) delle persone;
Insolita – Stuzzica meno del 15,9% degli intervistati;
Rara – Interessa a meno del 2,3%.
I lettori più arguti avranno notato che c’è una zona grigia fra il 16 e il 49,9%. Il perché non lo so nemmeno io: facciamo che si tratti di un’area di “boh, è una roba curiosa, ma non proprio strana”.

La ricerca ha identificato 54 fantasie principali e la loro incidenza fra maschi e femmine. Leggere la tabella che ne risulta non è semplicissimo, se non si è esperti di statistica e non la si può copiare in uno spreadsheet con cui elaborarla. Buon per me che avevo la persona giusta a portata di mano, allora, così posso riassumervi i dati più interessanti in attesa che il team canadese pubblichi risultati più dettagliati.
Visto che è quello che vi state chiedendo tutti, ecco lo scoop:

Le tre fantasie sessuali femminili più frequenti sono – Sesso romantico, un’atmosfera sensuale, luoghi romantici.
Le prime tre fantasie sessuali femminili comuni sono – Farlo in luoghi insoliti, ricevere sesso orale, fare sesso orale.
Le prime tre fantasie sessuali femminili insolite sono – Sesso con un gigolò o un/una spogliarellista, avere una partner femminile androgina, farlo con qualcuno ubriaco, addormentato o in stato d’incoscienza.
Le prime tre fantasie sessuali femminili rare sono – Farsi fare pipì addosso, urinare sul partner, zoofilia.

Se invece parliamo di uomini:

Le tre fantasie sessuali maschili più frequenti sono – Sesso romantico, ricevere una fellatio, fare sesso con due donne.
Le prime tre fantasie sessuali maschili comuni sono – Tradire la partner con una conoscente, farlo in posti insoliti, guardare due donne che fanno l’amore.
Le prime tre fantasie sessuali maschili insolite sono – Partecipare a un’orgia, partecipare a un’orgia di soli uomini, indossare abiti femminili.
Le prime tre fantasie sessuali maschili rare sono – Urinare sul partner, zoofilia, sesso con minori di 12 anni.

I risultati della ricerca possono tuttavia essere usati anche per trarre conclusioni più interessanti:

La fantasia femminile più irrealizzata è – Partecipare a un’orgia (lo vuole il 56,5% delle donne, ma solo il 15,8% degli uomini).

La fantasia maschile più irrealizzata è – Partecipare a un’orgia. No, non ci sono errori: il fatto è che mentre le donne sognano il sesso di gruppo sia con maschi che con femmine, gli uomini desiderano divertirsi con più di tre donne contemporaneamente, ma nessun altro maschio in giro (75,3% degli uomini contro il 24,7% delle donne).

La cosa più sgradita di tutte è – La pedofilia. Questa era facile – ma solo perché la necrofilia non è stata nemmeno presa in considerazione.

Le donne sono più attratte da – L’omosessualità, si direbbe, con un 36,9% di aspiranti lesbiche contro il 20,6% di sognatori gay maschi.

Gli uomini sono più attratti da – Le tettone (68,6%) rispetto alle donne. I seni enormi intrigano solo il 18,6% delle femmine.

Nel Quebec sono dei begli zozzoni – Il BDSM (inteso come la combinazione di dominazione, bondage e sculaccioni/frustate) affascina più del 40% della popolazione.

A questo punto… siete ancora sicuri che i vostri gusti siano così strani?

Line
  • Doctor R.

    Sondaggio molto interessante. Alcuni risultati del sondaggio non sono una novità, almeno per il sottoscritto,e tra questi in particolare merita sottolineare la marcata differenza tipologica esistente tra le fantasie o trasgressioni maschili e quelle femminili. Una differenza che trova precise motivazioni nella diversità fisico-biologica e psichica dei due sessi, e che in alcuni casi viene accentuata anche dal tipo di educazione ricevuta e dal genere di esperienze vissute durante la propria crescita.
    Ma tra le cose che più mi lasciano perplesso di questo sondaggio è proprio la “stranezza” delle fantasie evidenziate…si può essere tutti d’accordo che esista un determinato “famolostranismo” di genere universale, secondo il quale partecipare ad un’orgia promiscua è certamente percepita come una trasgressione estrema ed una pratica sessuale “non comune”, per quanto possa essere largamente diffusa (a livello di fantasie) o praticata…ma sinceramente trovo questa ennesima riconferma del solito immaginario erotico trasgressivo un luogo comune ricorrente, che in fondo denuncia un’appiattimento generale dei modelli trasgressivi cui la nostra società ormai ci ha abituati…gli stessi mass media propagandano e sdoganano sempre le medesime fantasie e pratiche, e ciò vale a dire che alla fine siamo tutti figli e “schiavi” della stessa cultura e come tali rivestiamo le nostre fantasie e trasgressioni nelle forme omologate che ci vengono inculcate dalla società in cui viviamo.

Line