Tutto il bondage, tranne i nodi – La recensione di ‘Osez… Le bondage’

2013/01/osezcover.jpg

Osez... Le Bondage

Axterdam
La Musardine, 2005
€ 7 ,00
128 pagine
Lingua: francese
ASIN: 284271279X
Isbn: 9-782842-712792
@: Compralo adesso

Se vi piace il Bdsm e avete visitato Parigi probabilmente conoscete già questo volumetto, come minimo perché lo si trova bene esposto in vendita in qualsiasi sex shop, boutique fetish o libreria con un reparto riservato agli adulti. Osez… le Bondage fa infatti parte di una collana di grande successo che conta a oggi una ventina di manuali dedicati a ogni branca dell’erotismo – dal sesso su Internet a come girare un film porno, dallo scambismo al massaggio sensuale.

Se vi piace il Bdsm, dicevamo, probabilmente l’avrete anche ignorato per via dell’aspetto poco serio, che ricorda quelle squallide guide che da noi vengono vendute nelle edicole delle stazioni a ragazzini instupiditi dagli ormoni e ad altri gonzi terminali.

Io, nel mio piccolo, l’ho ignorato per due anni di seguito – e ho scoperto solo per caso di avere gravemente peccato di superbia.

Il terzo anno infatti ho ceduto al martellamento e senza nemmeno sfogliarlo ne ho comprato una copia con l’idea di fare un regalino ironico a un amico. Più tardi sono rientrato in albergo e mentre aspettavo che la mia compagna finisse la doccia ho provato a dargli un’occhiata… e sono rimasto folgorato. Osez… le Bondage non è certo il manuale di legature erotiche più completo che ci sia, tuttavia riesce a dare parecchi punti a volumi ben più spessi e famosi grazie all’evidente buon senso con cui è stato scritto.

Esempio pratico: i nodi descritti sono ben… tre. Solo quelli utili, efficaci, semplici da fare e da disfare. I bondage (quasi tutti in stile giapponese) spiegati invece arrivano a cinque, più due varianti – come dire le basi su cui una persona minimamente creativa può sbizzarrirsi a creare le proprie elaborazioni.

Se a questo punto vi aspettate che il grosso del libro sia riservato alle solite raccomandazioni di sicurezza siete fuori strada. Naturalmente ci sono anche quelle, ma vengono sbrigate in sei pagine occupate soprattutto da illustrazioni, perché si suppone che un adulto certe cose non abbia bisogno di farsele ripetere. Qui il punto è tutto un altro.

Questo volumetto spiega l’esperienza del bondage, in cui corde e nodi c’entrano solo fino a un certo punto. Si parla invece di argomenti sempre negletti: come sedurre un partner per poterlo legare; Come rispettare i propri strumenti; Come parlarsi; Quale atteggiamento tenere; Se e quanto far soffrire; In cosa consistono e come si differenziano i piaceri di chi gioca; Le considerazioni estetiche; Come fotografare un bondage; Quali sensazioni si provano; La sensualità nell’atto di slegare…

Sembra poco? Allora ecco altre due sezioni del tutto inedite eppure fondamentali. La prima presenta alcune belle idee per associare una legatura a determinati oggetti (una sedia, un albero…) o ad attività sia Bdsm che di sano, buon vecchio sesso. La seconda descrive possibili scenari di bondage e i relativi accorgimenti, che si tratti di una cena fra amici o di un corso di canto assai particolare. Perché nel mondo reale, tutto sommato, le corde sono solo l’inizio.

Questo libretto probabilmente non farà diventare nessuno un guru dei nodi – ma ha tutte le carte in regola per far nascere ottimi cultori del bondage erotico. Non c’è da stupirsi che a Parigi sia un best seller.
Line
Line