Il fetish in un mini-documentario

2013/01/atsuko-kudo-selling-sex-show.jpg

 

Vivere a Milano è, fra le altre cose, il modo migliore per disamorarsi della moda e soprattutto dell’intero circo che la circonda. Una importante eccezione è tuttavia rappresentata dal settore dell’abbigliamento fetish, che ha per lo meno il merito di stimolare i sensi e la passione in un modo tutto particolare.

Già, ma quale modo? Spiegare a parole quale sia la sensualità di un capo di lattice è impossibile: se ne può descrivere l’impatto estetico, gli effetti chimici, la componente antropologica… ma nulla può trasmettere gli altri aspetti della questione. Una gran parte del fascino del mondo fetish sta nell’approccio mentale che lo circonda, nella ritualità dei piccoli gesti o nella cura del più piccolo particolare – tutte cose che si possono sperimentare solo di persona, direttamente.

Grazie a un’iniziativa lanciata da un sito di video di moda e il raffinato marchio Atsuko Kudo forse però oggi si può cominciare a intuire qualcosa anche online. Questo breve documentario è riuscito infatti a catturare almeno una parte della magia del latex, e (per chi capisce l’inglese) descrive piuttosto bene l’evoluzione del fetish come lo intendiamo oggi. Buona visione.

Line
Line