Sesso cialtrone: c’è un’app anche per quello

Couple in bed immersed in their phones

Mi hanno regalato da poco un iPad, che ha posto fine a vent’anni di felice astinenza da hardware con le mele. Non preoccupatevi: questa non è una di quelle tirate fanatiche sui meriti di una marca di computer rispetto alle altre. Volevo solo chiarire il mio candido incontro con la cultura di «c’è un’app per tutto», che mi ha lasciato basito sotto parecchi aspetti. Il fatto è che il mio passato da giornalista high tech mi ha spinto a frugare gli app store nel tentativo di tastare il polso di quell’ambiente – ma ciò che vi ho trovato ha notevolmente diminuito la mia già scarsa fiducia nella razza umana. Ecco una selezione delle app “sessuali” più imbecilli che ho trovato:

spreadsheets appSpreadsheets Partiamo dal colpevole più nefando di tutti. Avviatelo, piazzate il telefono/tablet sul letto, quindi godetevi l’atto più sublime che ci sia… sapendo che l’app sta tenendo traccia di quanto a lungo e con quale intensità state scuotendo il letto, nonché di quanto rumore facciate voi e il vostro partner. I risultati della sessione e le prestazioni medie e mensili vengono tracciate su un comodo grafico – e sono assai preoccupato che qualcuno si diverta a condividere e confrontare i dati con gli amici. Non credo esistano le parole per esprimere il mio orrore d’innanzi a una concezione del sesso tanto idiota, superficiale, squallida e senz’anima.

kindu appKindu Vi piacerebbe andare oltre la routine di una quieta missionaria veloce ogni sabato alle nove in punto? Beh, potreste cominciare col chiedere al vostro partner di sciogliersi un po’, o parlarne… avete presente la parola ‘comunicazione’? Altrimenti potreste comprare entrambi un’app e votare in gran segreto le vostre attitudini nei confronti di una serie di pratiche e attività, lasciando che sia un accrocchio di plastica e circuiti a decidere cosa potreste fare assieme. Ricordate, bambini: aprirvi al vostro compagno di vita è sicuramente un peccato mortale, e vi manderà dritti all’inferno!

medxcom app MedXcom A prima vista questa non sembra neanche un’app orientata al sesso. In sostanza si tratta di una sveglia per ricordarsi di prendere le medicine… che nasconde però la funzione di safe bumping. Funziona così: siete pronti a scopare con qualcuno, ma prima di darvi da fare tirate fuori il telefonino, vi assicurate che anche l’altro abbia la stessa app e “bumpate” i dispositivi in modo che confrontino automaticamente le vostre cartelle cliniche. A questo punto l’iCoso vi informerà se le vostre malattie a trasmissione sessuale siano compatibili o no, e vi comportate di conseguenza. Perché è naturale che qualcuno che non vuol dirvi in faccia se è sano o meno lasci che sia un cellulare a darvi la bella notizia, no?

sexy vibes appSexy vibes Questa è facile che la consociate già, visto che vanta già un milione e mezzo di scaricamenti. Il suo scopo è attivare la modalità di squillo silenzioso del telefonino in modo da poterlo usare come vibratore. Fra le notevoli funzionalità troviamo la possibilità di personalizzare lo schema di vibrazione e quella di essere attivato da remoto dal partner – e non dimentichiamoci delle musichette zozze opzionali. Peccato solo che le vibrazioni dei cellulari siano tanto deboli da rendere il tutto completamente inutile.

iboogie appiBoogie Avete presente le leggendarie agendine da sesso, quelle con nomi, numeri di telefono e da una a cinque stelline per contatto? Sarò un tipo all’antica, ma ho sempre pensato che esistessero solo nella triste fantasia dei giornalisti di riviste squallide tipo Cosmopolitan o Men’s health. Davvero: che razza di zoccole svampite bisogna essere, per dimenticarsi le persone con cui si ha fatto sesso? Rispondere non è necessario. Tanto questa app non consente solo di memorizzare e votare i partner, ma anche di affidare alla sua memoria digitale dove l’avete fatto, in quante e quali posizioni, quanto siano durate le “performance” e altre informazioni da fissati delle statistiche – il tutto accompagnato da “simpatici” aforismi con cui dare colore al mesto fallimento che chiamate vita.

cosmo's sex position of the day appCosmo’s sex position of the day A proposito di Cosmopolitan: c’è pure un’app per suggerire una nuova posizione sessuale ogni giorno, direttamente dagli archivi della rivista. Il che potrebbe essere divertente, se siete quel tipo di persone – eccetto la parte in cui finite al pronto soccorso, visto che la rubrica da cui sono tratti i suggerimenti è stata più volte criticata perché scritta da gente che evidentemente il vero sesso non l’ha mai visto neanche in foto, rendendo buona parte delle posizioni parecchio pericolosa.

sex drive appSex drive Di tanto in tanto attraversiamo tutti dei periodi in cui il desiderio è più basso del normale. Di solito dipende da stanchezza, depressione, disarmonia con il partner, medicine o altre cause del tutto normali. La soluzione ideale è naturalmente passare più tempo con chi amate, e/o semplicemente riposare un po’. L’altra soluzione è comprare un’app che vi spari nelle orecchie tramite cuffia venti minuti di suoni discordanti, che ottimizzano le onde cerebrali e aumentano la libido. Non voglio nemmeno immaginare la scena di ‘sti due poveretti che cercano di far sesso ascoltando “battiti binaurali” – specie perché si tratta ovviamente di una cretinata senza alcun fondamento scientifico.

a sexy text appA sexy text Scegliete il sesso del vostro partner, un approccio romantico o suino, aggiungete una delle immagini preselezionate, quindi lasciate che la app invii il messaggino d’amore perfetto. Perfetto precisamente come quello che il partner e gli amici continuano a ricevere da idioti come voi, che non si degnano di dedicare nemmeno trenta secondi a pensare qualcosa di carino da scrivere. Bella mossa, Romeo.

Line
Line