In tempo di crisi i (sado)masochisti prosperano

FunCuffsProduct

E così c’era questo studentello di un liceo dell’Arizona con un’ideona tutta sua. Perché non attaccare un taser radiocomandato a un paio di manette, così che gli agenti di polizia possano torturare tranquillizzare “invasati violenti in evidente stato di agitazione” con la semplice pressione di un pulsante?

Il tipo portò la sua invenzione alla più grande azienda tecnologica della zona, ma l’amministratore delegato non volle allontanarsi dal campo sicuro dei prodotti medici in cui operava… così portò il ragazzino dai suoi amici della Scottsdale Inventions, che ci vide un business e produsse subito una serie di prototipi per le forze dell’ordine.

I poliziotti però non si entusiasmarono per un apparecchio che toglie tutto il divertimento dal pestare i detenuti costa più delle normali manette, pertanto gli investitori dovettero trovare in fretta un altro mercato per un coso che può fulminare chi lo indossi con 300 volt anche a 90 metri di distanza.
Ed è così che sono nate le Funcuffs – stesso oggetto, teoricamente meno potenza, e un design cinquanta sfumature più trendy. Presto nei negozi BDSM della vostra città.Storia vera.

Line
Line