Kathodik – La recensione di BDSM – Guida per esploratori dell'erotismo estremo

Copertina di 'BDSM - Guida per esploratori dell'erotismo estremo' (III ed.) di Ayzad

(dal sito Kathodik)

L’erotismo estremo spiegato e chiarito

Marco Paolucci

Come recita il sottotitolo, il volume in questione edito dalla casa editrice Castelvecchi si propone come guida per esploratori dell’erotismo estremo, e ci riesce molto bene data la vastità del progetto. L’autore è prima di tutto un praticante della disciplina/sperimentazione corporea/gioco da parecchi anni, che propone e pone alla discussione/riflessione una enciclopedia/guida puntuale e rigorosa sulla cultura Bdsm, acronimo di Bondage/Domination/Sadism/Masochism cioè schiavitù/dominazione/sadismo/masochismo.

Considerata la “spigolosità/scivolosità” dell’argomento e la “diversa” e “temporalmente altra” percezione che l’Italia ha di questa cultura e modo/forma di condivisione/pratica/lo ripetiamo gioco tra soggetti consapevoli e consensienti di una forma di sperimentazione sia corporea che sessuale rispetto agli altri paesi sia europei che intercontinentali, (tra tutti gli Usa che contano svariati divulgatori e seminari/conferenze/incontri pubblici del e sul Bdsm), il nostro si pone come fondamentali obiettivi sia lo sfatamento di pregiudizi e luoghi comuni sul fenomeno/cultura/gioco sia la chiarificazione/comprensione/delucidazione su pratiche compiute, puntualizzazione ripetuta per tutto il percorso del volume in maniera che non lascia adito a dubbi, in forma SSC ovvero Sana Sicura Consensuale, elemento portante/esplicativo di tutto il volume. L’autore chiarisce in maniera semplice e diretta quello che si può e si riesce a fare/sperimentare/giocare e soprattutto quello che non si deve/non viene praticato/non è assolutamente consentito/non ha nulla a che fare con il Bdsm. Per tutte le centinaia e centinaia di pagine che compongono questa vera e propria enciclopedia dove viene spiegato tutto ma proprio tutto, dalle pratiche al vestiario ai codici che regolano i comportamenti di ciò che compone il variegato mondo del Bondage/Domination/Sadism/Masochism, viene ribadito e specificato/sfatato un mito protoarchetipico/postcacionaro di che cosa non è il Bdsm, che cosa è vietato nel Bdsn sia a livello di pratica che legale, che cosa non si deve fare nel Bdsm per trasgredire all’acronimo di cui sopra.

Per far capire che il Bdsm è un modo di vivere/condividere la propria sessualità con chi è disposto/è interessato/ritiene normale sperimentare in maniera sana sicura e consensuale oltre che aggiungiamo noi consapevole senza instillare trautmatici sensi di colpa e oscure assunzioni di trasformazioni fisiche/psichiche lombrosiane dannose per la società, dando spazio di racconto e chiarimento alla fine di ogni capitolo a chi pratica e sperimenta quotidianamente la cultura Bdsm. Un punto di partenza per la riflessione, un modo lo ripetiamo per permettere la conoscenza/discussione/confronto/verifica dei propri punti di vista con acronimo, nome e cognome su un argomento per certi versi conosciuto/compreso/condiviso come la vita su Giove. Per non fraintendere ma comprendere.

Line
Line