Momenti inesplicabili nella storia della sessualità – 219

Momenti inesplicabili nella storia della sessualità – 219
Line
  • emanuele frigerio

    Questa immagine é parecchio intrigante, specialmente per me, o per chi come me é nato nel ’70 inoltrato. La mia generazione é stata bombardata da cartoni animati, più o meno, tagliati e cuciti in modo da essere ritenuti adatti ad un pubblico infantile. In realtà in Giappone queste produzioni erano riservate ad un pubblico adulto anche se in molti casi non mostravano contenuti espliciti. Fatto sta che i fanciulli italiani erano incollati al televisore intenti a seguire le eroiche imprese di questi personaggi,le cui rappresentanti femminili erano vere e proprie sex-bomb fasciate in tutine aderenti e molto scollate su cui in molti abbiamo fantasticato durante la pubertà. Nel caso qui sopra si può parlare di cosplay a sfondo sessuale, un po’ come nel furry fandom. Per proprietà transitiva era inevitabile interrogarsi sulla vita sessuale dei protagonisti del cartone animato preferito. Forse attribuire una sessualità attiva a questi personaggi di fantasia così attraenti e carichi di richiami sessuali elementari ne ha fatto la fortuna in termini economici ed ha aiutato a nascere la filosofia Otaku. Certo che il robot Venus nella serie Mazinga che lanciava missili dal seno, oppure il Daitarn III che li lanciava dal pacco…

Line